Tendini e legamentiCome curare la tendinite? 5 dritte per ridurre il dolore
come curare la tendinite

Come curare la tendinite? 5 dritte per ridurre il dolore

Come curare la tendinite che ci sta causando dolore e disagio? Le infiammazioni dei tendini possono essere molto fastidiose. Vediamo come alleviare dolore e infiammazione con alcuni rimedi.

Cosa è la tendinite e quali sintomi si possono manifestare?

La tendinite, o più propriamente “tendinopatia”, è una infiammazione del tendine. I tendini sono robuste strutture fibrose che collegano i muscoli alle ossa o alla pelle. Essi rendono possibile e agevole la mobilità dell’apparato muscolo-scheletrico. La tendinite può essere caratterizzata da:

  • Dolore intenso, anche alla palpazione;
  • Difficoltà di movimento;
  • Possibile tumefazione e rossore della zona interessata.

La tendinite può essere acuta o progressiva:

  • Tendinite acuta. È provocata da traumi soprattutto in ambito sportivo;
  • Tendinite progressiva. È causata da un movimento ripetuto e logorante.

I tendini più comunemente interessati da infiammazione sono:

  • Spalle;
  • Gomiti;
  • Mani o polsi;
  • Anca;
  • Ginocchia;
  • Caviglie.

Come possiamo gestire una tendinite fastidiosa? Ecco 5 consigli utili

Dunque come curare la tendinite? Per inquadrare meglio la nostra situazione clinica sarà anzitutto necessaria una visita medica approfondita, seguita da una ecografia o risonanza magnetica. Il fisiatra ci consiglierà il percorso riabilitativo più idoneo alla nostra situazione. Possiamo in ogni caso individuare cinque pratiche per affrontare e gestire la sintomatologia dolorosa:

  • Riposo. Durante la fase acuta della tendinopatia sarà fondamentale non sovraccaricare l’articolazione e le strutture correlate, per non peggiorare infiammazione e dolore. Dovremo tenere “in scarico” l’arto interessato dalla tendinite, evitando di imprimere lo stress meccanico del movimento.
  • Impacchi di ghiaccio sulla zona colpita, a intervalli regolari, per alleviare infiammazione e dolore. L’applicazione del ghiaccio va ripetuta 3 – 4 volte al giorno. Possiamo utilizzare una borsa del ghiaccio o un sacchetto raffreddante.
  • Tutore o sostegno ortopedico. Sarà utile per diminuire la mobilità articolare e migliorare la gestione dei carichi. Possiamo utilizzare anche stampelle, plantari, stecche o altri tipi di sostegno, in base alla localizzazione della tendinite.
  • Terapia farmacologica. L’utilizzo di antinfiammatori e antidolorifici dovrà essere suggerito dal medico, per arginare tempestivamente dolore e infiammazione nella fase acuta della tendinite.
  • Attendere il decorso della patologia. Sembrerà scontato, ma spesso siamo impazienti di ritornare a muoverci con libertà, come è nostra consuetudine. Non possiamo accelerare o forzare i tempi di guarigione, perciò occhio a iniziative personali e movimenti bruschi. Infatti tutto ciò non farebbe che aggravare l’infiammazione e acuire il dolore, prolungando il periodo di recupero.

Possiamo poi utilizzare un integratore alimentare per contribuire alla salute dei nostri tendini. In associazione a una dieta varia e completa, scegliamo un prodotto a base di Acidi Grassi Omega 3, Glucosamina vegetale, Vitamina C, Boswellia serrata e Rame, utile per il benessere e la funzionalità di tendini, legamenti e articolazioni.

Questo contenuto è stato utile?

Con una sola risposta puoi aiutarci a migliorare la nostra attività informativa.
Il tuo riscontro resterà privato

No

Se vuoi, aggiungi qualche dettaglio: ogni indicazione è preziosa.
Ricorda che questo non è un modulo di contatto.

Farmaceutica per passione