CuorePressione del cuore e ipertensione: cause, sintomi e rimedi
Pressione del cuore e ipertensione

Pressione del cuore e ipertensione: cause, sintomi e rimedi

Pressione del cuore, cosa fare? È necessario tenere a bada l’ipertensione. Molti di noi ne soffrono, ma non tutti ne sono consapevoli. Cosa fare per gestire questo problema? Vediamo come un’adeguata prevenzione possa ridurre il rischio di insorgenza di disturbi cardiovascolari.

Quali sono le cause di ipertensione?

I fattori predisponenti ipertensione sono i seguenti:

  • Condizioni cliniche preesistenti, come ad esempio particolari patologie renali, disturbi ormonali, patologie congenite, aterosclerosi (indurimento e perdita di elasticità delle pareti delle arterie).
  • Fattori di rischio, come ad esempio età, fumo di sigaretta, sovrappeso, sedentarietà, ipercolesterolemia (eccessi di grassi nel sangue), malattie metaboliche concomitanti (diabete), familiarità e stress.

 

Pressione alta e cuore: quali sono i sintomi di ipertensione?

Nella maggior parte dei casi l’ipertensione è asintomatica. Ciò significa che non ci sono disturbi specifici e che molti pazienti non sono consapevoli di avere la pressione alta. Di rado l’ipertensione  si manifesta con palpitazioni, vertigini, cefalea, ronzii o disturbi visivi.

 

Come contrastare e prevenire ipertensione e problemi cardiaci?

In associazione a una terapia farmacologica mirata, possiamo seguire alcune regole d’oro:

  • Perdiamo i chili in eccesso. La pressione arteriosa aumenta di pari passo con il peso. Teniamo perciò sotto controllo il girovita. Per l’uomo non dovrà superare 100 cm, mentre per la donna il limite è 85 cm.

 

  • Facciamo esercizio fisico. Dedichiamo 30 minuti- un’ora al giorno ad attività moderate e regolari, come ad esempio camminata, nuoto, yoga, bicicletta. Inoltre, l’attività fisica svolge una funzione preventiva in caso di tendenza alla pressione alta, allontanando il rischio che diventi una condizione di ipertensione vera e propria.

 

  • Seguiamo una dieta sana e bilanciata. Limitiamo i grassi in generale. Scegliamo cereali integrali, legumi, verdura, frutta fresca e frutta secca. Riduciamo i grassi di origine animale, come ad esempio burro, lardo, panna, in favore di olio extra vergine d’oliva e spezie (zenzero e curcuma). Possiamo assumere integratori alimentari specifici per salvaguardare il benessere del cuore.

 

  • Riduciamo il sale. Il consumo di sale (sodio) quotidiano non dovrebbe superare i 5 grammi al giorno (più o meno un cucchiaino da caffè). Facciamo attenzione anche al “sale nascosto” in alcuni alimenti, come ad esempio dadi da brodo, formaggi stagionati, salumi e alimenti conservati.

 

  • Rinunciamo al fumo. L’abuso di nicotina induce l’innalzamento dei valori pressori, e contribuisce all’ispessimento delle pareti delle arterie.

 

  • Riduciamo i fattori di stress. Difficile a farsi, ma ricordiamo che stress e ansia possono alzare la pressione. Se non è possibile eliminare tutti i fattori scatenanti, è opportuno concedersi qualche pausa di relax e qualche esercizio di respirazione, ricorrendo anche allo yoga, per allentare tensione mentale e muscolare.

 

  • Teniamo d’occhio la pressione. Possiamo farlo attraverso auto misurazioni e regolari controlli medici specialistici.

 

 

 

 

Farmaceutica per passione